Vernici, quali le tipologie

Vernici, quali le tipologie

All'interno di una casa, col trascorrere degli anni, delle volte è necessario ripassare alcuni mobili o pareti con della vernice. Se alcuni, con la passione del bricolage, tendono a fare da sé e preferiscono recarsi direttamente da un ferramenta a Roma o nel centro più vicino, come Tecnoferr ad esempio, per scegliere il miglior prodotto, altri invece preferiscono contattare dei professionisti, che abbiano esperienza pluriennale in questo ambito e far svolgere loro questo tipo di lavoro.  

Come con altri materiali, anche per verniciare mobili o pareti è necessario scegliere ed utilizzare prodotti adeguati. Tuttavia, con la presenza sul mercato di diverse tipologie di questi, non sempre è facile effettuare una scelta corretta. Cerchiamo di capire quindi quali generi di vernici si trovano in commercio e per quale tipo di materiali sono maggiormente adatti. Il tutto per cercare di ottenere il risultato migliore e più durevole possibile, magari senza eccessive spese.

Vernici per le pareti

Tra quelle più diffuse ed economiche, vi sono quelle cosiddette "a tempera", che sono composte con  del gesso a cui vengono aggiunti poi svariati coloranti. Uno dei difetti maggiori di questo tipo di vernice è che non risultano particolarmente resistenti, soprattutto all'umidità. Inoltre, alcune risultano difficilmente lavabili. Di conseguenza, il minor costo è compensato tuttavia da vari svantaggi.

In commercio vi sono anche le idropitture, il cui prezzo risulta essere superiore al tipo precedente, tuttavia presentano diversi elementi positivi. Infatti, essendo costituite con dell'acqua anziché da solventi, risultano essere meno nocive per coloro che ne fanno uso. Inoltre, tendono ad avere un effetto coprente migliore e non attirare polvere, a cui si aggiunge anche una maggiore velocità di asciugatura.

Diversi sono i tipi di idropitture tra cui scegliere e ognuna indicata per vari usi o generi di pareti o locali. Ad esempio, quelle traspiranti sono adatte ad ambienti umidi, dove si forma facilmente muffa o condensa. Le idropitture lavabili, poi, sono particolarmente utili per le pareti interne, soprattutto per quelle di cucine o dei bagni. Quelle termoisolanti, invece, tendono a ridurre la formazione di condensa ed evitare un'eccessiva dispersione di calore.

Vernici per legno

Destinate ad essere utilizzate per coprire e proteggere mobili o oggetti in questo materiale, bello ma anche molto vulnerabile alle intemperie e al tempo. Esistono in commercio vernici a base d'acqua, che rispettano la struttura del legno e non sono quindi particolarmente aggressive, anche se i tempi di asciugatura sono considerevoli, nell'ordine anche di alcuni giorni. Quelle a base di solvente, invece, risultano più adatte ai mobili usati in ambienti esterni, in quanto offrono maggiore protezione alle intemperie.

Medesimo benenficio è offerto dalle vernici ad olio, che tendono a penetrare facilmente nel legno, favorendo protezione e lunga durata nel tempo. Tuttavia, evidenziano anche alcuni svantaggi, come ad esempio le finiture non sempre invisibili ed i lunghi tempi di attesa per la sua asciugatura. Di conseguenza, bisogna valutare bene e fare considerazioni ponderate prima di scegliere questo tipo di prodotto.  

Share this post:

Leave a Comment